Andrea Lorenzoni
Poeta e musicista di talento, incontro fortunato.
Nonchè, inevitabilmente, una persona che sa parlare e ascoltare.
Mi fa molto piacere postare una selezione di poesie tratte dal suo nuovo libro.


da Piuma, Arcipelago Itaca Edizioni, 2018.







il gusto della natura in fatto di colori
è migliore del nostro, lo dimostrano
le foglie ai confini della radura che
sfocia nello slargo con due grandi
querce a ombreggiare le panchine
attendono una coppia celata allo
sguardo dietro la torretta in mattoni
le amiche anziane ridono, i passeri
scompaiono, rimane una gazza sul prato
qualche sparuto dialogo nelle frasche
nuovi amanti salgono per mettersi
alla prova, temono meno gli occhi

*

nel giardino segreto non si vedono
le sfortune degli altri, non si toccano
le ignoranze o le vergogne quotidiane
non si sentono i poteri fine a se stessi
nel giardino segreto si guardano
le false verità che ci fanno stare meglio
si cantano i sogni di gloria e le certezze
grandi come chiese, ascoltiamo le
nostre parole come le migliori fra tutte

*

nei polmoni c'è nebbia e banchi di
salmoni, sono andato in fondo
ai portici distrutti, la bici ha
tatuato la strada che ho seguito

*

le studentesse sognano con
gli occhi nelle dita dei capelli
gli anni sulle spalle sono ghiaia
lasciano altre pietre

*

mi raduni nell'angolo del terrazzo
per mangiare un piatto a scelta
io e te insieme ascoltiamo il
corso d'acqua scorrere in basso
apprezziamo il sole quasi olandese
filtrare fra le murature e le piante
il tuo sguardo azzurro rifugge il
mio per paura e per senso etico
mi fumi due sigarette addosso
e ragioni con l'orbita del bacino
indispongo la cameriera per una
questione piccola, grande per
l'orgoglio del suo lavoro ma non
fa sul serio, il vento si stempera
come caffè sulle labbra, slacciate
alla sete dell'amore sensato per
noi nuovo, trascino a me la sedia
l'urgenza delle tue mani sulla pelle

Commenti

Post popolari in questo blog